Settori alla ribalta: l’energia solare in India

by

solar-panelA cura dell’Italian Desk di Dezan Shira & Associates 

 

In tutto il mondo l’atteggiamento verso le fonti di energia rinnovabile e’ cambiato, specialmente dopo il consenso internazionale che ha suscitato l’Accordo di Parigi, adottato in tempo record. Il 5 ottobre 2016, 79 Paesi (tra cui l’India) avevano firmato la storica Convenzione sul clima. Avendo superato la soglia richiesta per la ratifica, l’Accordo di Parigi è entrato in vigore il 4 novembre 2016.

Oltre ad essere a favore del contrasto del cambiamento climatico, l’India si e’ messa in scia con altri Paesi attingendo da un numero maggiore di fonti energetiche rinnovabili. Grazie al governo attuale, il Paese si è dato degli obiettivi ambiziosi per la produzione di energia pulita fornendo incentivi agli investitori e apportando cambiamenti normativi. Questo articolo tratterà il rapido aumento della capacità produttiva degli impianti solari in India, la prospettiva degli investimenti nel settore e infine le sfide che devono essere affrontate.

 

Professional Service_CB icons_2015Servizi correlati: Pre-Investment and Entry Strategy Advisory

 

Infrastrutture per l’energia solare in India

L’atteggiamento dell’India a favore delle fonti di energia rinnovabili è evidente nel report “Trend globali nell’investimento sull’energia rinnovabile 2016” curato dall’Environment Program delle Nazioni Unite (UNEP), che posiziona l’India nelle prime dieci nazioni per investimenti nell’energia rinnovabile. Considerando solo il settore dell’energia solare, la performance dell’India ha registrato un balzo del 75 per cento nell’investimento su scala industriale raggiungendo i USD 4,6 miliardi nel 2015.

La “National Solar Mission” è un’iniziativa rilevante dell’attuale governo, che ha implementato una politica a lungo termine volta a realizzare obiettivi su larga scala, una ricerca e sviluppo aggressiva e la produzione locale di materie prime essenziali, componenti e manufatti.

Le stime del governo mostrano che la capacità produttiva annua delle installazioni solari in India crescerà almeno quattro volte entro il 2017. Fino ad ora l’energia prodotta ha raggiunto la soglia di 3,8 GW e si prevede che crescerà fino a 4,8 GW entro la fine del 2016. Nel settembre 2016, la capacità produttiva complessiva a livello nazionale era pari a 8,6 GW.

Quattro Stati federali indiani hanno superato la capacità produttiva delle installazioni solari di 1 GW: Tamila Nadu, Rajasthan, Gujarat e Andrhra Pradesh che rappresentano circa il 59 per cento delle installazioni totali. Inoltre ci sono 14 GW di progetti solari in diverse fasi di sviluppo e altri 7 GW da mettere all’asta. È previsto che circa 9 GW di energia solare verrà installata l’anno prossimo. In aggiunta ci sono circa 6.100 MW di progetti solari premiati tra gennaio e agosto, sostenuti dal governo centrale e a livello federale.

 

Prospettiva sugli investimenti

L’India offre un potenziale di crescita illimitato per l’industria energetica, dato che il Paese gode di circa 300 giorni all’anno di sole e senza nuvole.

Inoltre l’incidenza dell’eneriga solare calcolata in teoria solo sulla superficie terrestre è di 5000 trilioni di kilowatt all’ora (KWh) all’anno.

Questo è il motivo per cui la National Solar Mission ha come obiettivo lo sviluppo della capacità solare a 100 GW entro il 2022, progetto che richiederà USD 100 miliardi in investimenti. Per questo scopo sono permessi  Investimenti Diretti Esteri (IDE) al 100 per cento per la promozione delle energie rinnovabili e per progetti di distribuzione, che sono soggetti alle previsioni dell’Electricity Act del 2003.

Gli investitori dovrebbero tenere in considerazione i seguenti incentivi offerti dal governo indiano per lo sviluppo del settore dell’energia solare:

  • Esenzione da alcuni dazi e concessioni su quelli di importazione sulle componenti e sull’attrezzatura richiesta per realizzare un impianto solare;
  • Esenzione dalle tasse per dieci anni per progetti sull’energia solare;
  • Tariffe, vendita alle banche e a terze parti, così come il riscatto della struttura da parte degli Stati;
  • Un mercato garantito grazie all’obbligo degli Stati federali ad acquistare l’energia solare;
  • Schema di incentivi basati sulla quantità di energia generata (Generation-based Incentive, GBI) per piccoli progetti connessi ad una rete al di sotto di 33 KV;
  • Pagamenti ridotti se confrontati con quelli sull’energia convenzionale;
  • Incentivi speciali per l’esportazione dall’India della tecnologia per le energie rinnovabili prodotta nelle Zone Economiche Speciali (ZES)
  • Un meccanismo di sicurezza nei pagamenti per coprire il rischio di fallimento dei distributori statali di elettricità (“discoms”);
  • Un sussidio del 30 per cento per il costo dei progetti non connessi alla rete (“off-grid”) e per i progetti solari termici;
  • Mutui a tassi agevolati per impieghi non connessi alla rete

Infine il governo indiano rivedrà le norme sull’approvvigionamento nazionale obbligatorio dopo che, a seguito di una petizione degli Stati Uniti, l’Organizzazione Mondiale del Commercio (OMC),  ha deliberato contro la politica indiana degli acquisti locali.

 

Le sfide del settore dell’energia solare

Secondo uno studio dell’agenzia di rating del credito ICRA, le difficoltà normative rallentano il potenziale del settore dell’energia solare in India. Tra queste, la mancata applicazione delle obbligazioni all’acquisto delle rinnovabili e le scadenze stringenti. Inoltre tramite la National Tariff Policy” le obbligazioni all’acquisto delle rinnovabili sul solare sono state incrementate dal tre all’otto per cento fino al 2022, ma la maggioranza degli Stati federali non si è ancora adattata.

Inoltre, pur rappresentando un mercato enorme con un forte potenziale di business, l’India non riesce ancora a risolvere i ritardi nell’acquisizione dei terreni, creando incertezza da parte degli investitori.

 

Related Link Icon-IBPer saperne di più: India and U.S. Sign Agreement on Renewable Energy

 

Qualche osservazione finale: la ragione per cui l’India è all’avanguardia nella produzione di energia rinnovabile è data dal fatto che oggi è il quarto maggior importatore di petrolio e il quindicesimo maggiore importatore di derivati petroliferi e di gas naturale liquefatto al mondo.

Questo è il motivo per cui il governo gioca un ruolo attivo offrendo numerosi incentivi, come quelli basati sulla quantità di energia generata , sussidi sul capitale e sugli interessi, fondi, finanziamenti e incentivi fiscali. Ciò che ora rimane da fare è indirizzare le sfide persistenti nella regolamentazione e i ritardi nell’evacuazione della rete e nell’acquisizione dei terreni.

 

 


Chi
Siamo

Asia Briefing Ltd. è una controllata di Dezan Shira & Associates. Dezan Shira & Associates è una società di consulenza specializzata nell’assistenza agli investimenti diretti esteri per le società che intendono stabilire, mantenere e far crescere le loro operazioni in Asia. I nostri servizi includono consulenza legale e strategica all’investimento, costituzione e registrazioni societarie, tenuta contabile con redazione di bilanci periodici ed annuali, consulenza fiscale e finanziaria, due diligence, revisione contabile, gestione tesoreria, libri paga e personale, transfer pricing, consulenza IT, sistemi gestionali, deposito marchi e servizio visti. Per maggiori informazioni vi invitiamo a contattarci al seguente indirizzo: italiandesk@dezshira.com o a visitare il nostro sito: www.dezshira.com.

Per rimanere aggiornati sugli ultimi trend degli investimenti e del business in Asia, iscrivetevi alla nostra newsletter per ricevere notizie, commenti, guide e risorse multimediali.

 

Managing Your Accounting and Bookkeeping in India 

In this issue of India Briefing Magazine, we spotlight three issues that financial management teams for India should monitor. Firstly, we examine the new Indian Accounting Standards (Ind-AS) system, which is expected to be a boon for foreign companies in India. We then highlight common filing dates for most companies with operations in India, and lastly examine procedures and regulations for remitting profits from India.

Using India’s Free Trade & Double Tax Agreements

In this issue of India Briefing magazine, we take a look at the bilateral and multilateral trade agreements that India currently has in place and highlight the deals that are still in negotiation. We analyze the country’s double tax agreements, and conclude by discussing how foreign businesses can establish a presence in Singapore to access both the Indian and ASEAN markets.

Passage to India: Selling to India’s Consumer Market

In this issue of India Briefing magazine, we outline the fundamentals of India’s import policies and procedures, as well as provide an introduction to engaging in direct and indirect export, acquiring an Indian company, selling to the government and establishing a local presence in the form of a liaison office, branch office, or wholly owned subsidiary. We conclude by taking a closer look at the strategic potential of joint ventures and the advantages they can provide companies at all stages of market entry and expansion.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Never miss an update

Stay ahead of the curve in emerging Asia by subscribing to our regional publications. Subscribers take full advantage of all our website features and receive regular updates from our local experts on doing business in Asia.

Subscribe
India Briefing