Import-Export in India 2022: tendenze e procedure chiave

Posted by Reading Time: 13 minutes

Questo articolo evidenzia le attuali tendenze commerciali dell’India e le proiezioni a lungo termine che stimano il valore delle esportazioni indiane a 1.000 miliardi di dollari entro il 2030. Oltre a discutere i recenti accordi commerciali e le opportunità per incrementare gli scambi, forniamo una spiegazione dettagliata delle procedure di esportazione ed importazione in India e del processo di creazione di una società commerciale. E’ importante sapere che le attuali procedure sono regolate dalla Politica del commercio estero 2015-20, che è stata prorogata fino al 30 marzo 2023.

Le statistiche commerciali riguardanti l’India si sono amplificate in modo esponenziale negli ultimi anni, con l’anno finanziario 2021-22 (FY 2022) che ha registrato il valore più alto di sempre nelle esportazioni di merci. Il governo prevede di raggiungere l’obiettivo di 500 miliardi di dollari di esportazioni nell’anno fiscale 2023, grazie al commercio c.d. “in Rupie” e ai recenti accordi bilaterali di libero scambio (FTA), come quelli firmati con gli Emirati Arabi Uniti (EAU) e l’Australia

Per rendere le esportazioni indiane più competitive a livello globale, inoltre, l’India ha recentemente ratificato la Politica logistica nazionale, che prevede la perfetta integrazione di più modalità di trasporto sfruttando la tecnologia, i processi e la manodopera qualificata. La politica, in linea con il Piano Regolatore Nazionale del PM GatiShakti, darà un forte impulso al settore logistico indiano, per un valore di 200 miliardi di dollari, consentendo una movimentazione fluida delle merci, sia a livello nazionale che internazionale.

Export-Import Infrastructure

Tendenze e prospettive commerciali dell’India

Negli ultimi anni, l’aggressiva politica indiana, unita all’aumento delle infrastrutture su larga scala, ha portato a un aumento del volume delle esportazioni e delle importazioni. Tra i principali partner commerciali dell’India figurano gli Stati Uniti, che nell’anno fiscale precedente hanno superato la Cina diventando così il principale partner commerciale del Paese. Anche gli Emirati Arabi Uniti sono emersi come uno dei principali partner commerciali dell’India, grazie all’aumento del commercio del petrolio. 

Nell’anno fiscale 2022, le esportazioni di merci dall’India hanno raggiunto un nuovo massimo, pari a 417,81 miliardi di dollari, segnando un’impennata del 43,18% rispetto ai 291,18 miliardi di dollari registrati nell’anno fiscale 2021. Nello stesso periodo, le importazioni di merci dall’India sono salite a 610,22 miliardi di dollari, con un aumento del 54,71% rispetto ai 394,44 miliardi di dollari registrati nell’anno fiscale 2021.

India’s Top Trading Partners in FY 2021-22 (in US$ Million)

Country

Export

Import

Total trade

Trade balance

US

76,167.01

43,314.07

119,481.08

32,852.94

China

21,259.79

94,570.57

115,830.36

-73,310.78

UAE

28,044.88

44,833.48

72,878.36

-16,788.60

Saudi Arabia

8,758.94

34,100.58

42,859.52

-25,341.64

Iraq

2,403.27

31,927.05

34,330.33

-29,523.78

Singapore

11,150.61

18,962.19

30,112.80

-7,811.58

Hong Kong

10,984.80

19,096.61

30,081.41

-8,111.81

Indonesia

8,471.51

17,702.83

26,174.34

-9,231.31

Korea Rp

8,085.03

17,477.20

25,562.24

-9,392.17

Australia

8,283.13

16,756.17

25,039.30

-8,473.04

Germany

9,883.34

14,968.10

24,851.43

-5,084.76

Switzerland

1,348.57

23,392.32

24,740.89

-22,043.76

Japan

6,176.77

14,399.77

20,576.54

-8,222.99

Belgium

10,084.37

9,951.65

20,036.02

132.72

Malaysia

6,995.04

12,424.20

19,419.24

-5,429.16

Bangladesh

16,156.37

1,977.93

18,134.30

14,178.44

UK

10,461.29

7,017.78

17,479.07

3,443.51

South Africa

6,085.29

10,965.81

17,051.10

-4,880.52

Netherland

12,543.69

4,478.10

17,021.79

8,065.59

Thailand

5,751.30

9,332.59

15,083.88

-3,581.29

Qatar

1,837.75

13,193.70

15,031.45

-11,355.95

Nigeria

4,663.17

10,291.58

14,954.75

-5,628.40

Vietnam

6,702.67

7,438.52

14,141.19

-735.85

Italy

8,180.76

5,048.47

13,229.22

3,132.29

Russia

3,254.68

9,869.99

13,124.68

-6,615.31

Principali esportazioni dell’India

Le principali esportazioni dell’India sono costituite da prodotti ingegneristici, gemme e gioielli, prodotti petroliferi, farmaci e prodotti farmaceutici, prodotti chimici organici, prodotti elettronici, ecc.

Le importazioni indiane comprendono principalmente petrolio e prodotti grezzi, beni elettronici, oro, macchinari e apparecchi elettrici, perle, pietre e metalli semipreziosi, mezzi di trasporto, ecc.

Top Export-Imports in India

Procedure di import-export in India

In India il commercio estero è promosso e gestito dalla Direzione Generale del Commercio Estero (DGFT), sotto l’egida del Ministero del Commercio e dell’Industria.

La DGFT rilascia le autorizzazioni agli esportatori e ne controlla i relativi obblighi attraverso una rete di 38 uffici regionali. La DGFT attua inoltre la Politica del Commercio Estero (FTP), ratificata dalla Legge sul Commercio Estero (Sviluppo e Regolamentazione) del 1992.

La politica del commercio estero 2015-2020, in vigore dal 1° aprile 2015, è stata prorogata fino al 30 marzo 2023.

Procedure per la creazione di una struttura di import-export in India

  • Costituzione: Per avviare l’attività di esportazione, occorre innanzitutto costituire una ditta individuale, una società di persone o una società secondo le procedure previste.
  • Apertura di un conto corrente bancario: È necessario aprire un conto corrente presso una banca autorizzata a operare in valuta estera.
  • Ottenere il numero di conto permanente (PAN): Ogni esportatore o importatore deve ottenere un PAN dal Dipartimento delle imposte sui redditi (IT).
  • Ottenere il numero di codice importatore-esportatore (IEC): Secondo l’FTP, per le attività di esportazione ed importazione con l’India è obbligatorio ottenere l’IEC . La domanda per ottenere l’IEC viene presentata online alla DGFT, come previsto dall’ANF 2A, con un pagamento online di 500 INR tramite net banking o carta di credito/debito, e la presentazione dei documenti indicati nel modulo di richiesta.
  • Certificato di registrazione e adesione (RCMC): Per poter usufruire dell’autorizzazione all’import-export o di qualsiasi altro beneficio o concessione previsti dal FTP 2015-2020, gli esportatori devono ottenere un RCMC rilasciato dai Consigli per la Promozione dell’Esportazione (EPC), dalla Federazione delle Organizzazioni Indiane per l’Esportazione (FIEO), dai Comitati per i Prodotti di Base o dalle autorità competenti. Il RCMC è inoltre tenuto ad avvalersi dei servizi e delle indicazioni degli EPC.
  • Copertura dei rischi tramite ECGC: I rischi legati al commercio internazionale, per insolvenza dell’acquirente o del Paese, possono essere coperti da un’adeguata polizza della Export Credit Guarantee Corporation Ltd (ECGC). Se l’acquirente effettua un ordine senza pagamento anticipato o apertura di una lettera di credito, è consigliabile procurarsi un limite di credito per l’acquirente straniero attraverso ECGC, a tutela del rischio di mancato pagamento.

Procedura per la costituzione di un’unità commerciale in India

Top Export-Imports in India

Documentazione per l’import-export in India

Tutte le domande di esportazione o importazione devono essere presentate alla DGFT. Secondo la Politica del Commercio Estero 2015-20, i documenti obbligatori necessari per esportare o importare dall’India sono i seguenti:

Mandatory documents for export and import in India

Export

Import

Bill of Lading, Airway Bill, Lorry Receipt, Railway Receipt, Postal Receipt

Bill of Lading, Airway Bill, Lorry Receipt, Railway Receipt, Postal Receipt in Form CN-22 or CN-23

Commercial Invoice cum Packing list

Commercial Invoice cum Packing list

Shipping Bill, Bill of Export, Postal Bill of Export

Bill of Entry

Oltre ai documenti obbligatori sopra elencati, possono essere richiesti, caso per caso, altri documenti come il certificato di origine e il certificato di ispezione.

Ulteriori importanti procedure e documentazioni per l’importazione e l’esportazione sono le seguenti:

  • Moduli di dichiarazione GST (GSTR 1 e GSTR 2) e modulo di rimborso GSTR
  • Dichiarazione di controllo cambi
  • Certificato di Realizzazione Bancaria
  • RCMC

Come importare merci in India?

Ottenere contingente e licenza di importazione

L’importatore deve allegare al modulo di domanda i seguenti documenti:

  • Ricevuta che attesti l’avvenuto pagamento della licenza di importazione.
  • Certificato di un commercialista (CA) che indichi il valore totale delle merci da importare.
  • Certificato di verifica ai fini dell’imposta sul reddito

La classificazione commerciale indiana – Sistema Armonizzato (ITC-HS) consente la libera importazione della maggior parte delle merci senza una speciale licenza di importazione. La maggior parte dei prodotti rientra nel campo di applicazione della politica di import-export indiana, che prevede una licenza generale aperta. Ciò significa che i prodotti possono essere importati liberamente senza restrizioni e senza licenza, a meno che non siano regolamentati dalle disposizioni della politica o dalle leggi applicabili.

Tuttavia, alcune merci che rientrano nelle seguenti categorie richiedono un permesso o una licenza speciale.

Le importazioni di articoli non coperti da Licenza generale aperta sono regolamentate e rientrano in tre categorie:

  • Articoli vietati o proibiti: I’importazione delle seguenti merci è rigorosamente  vietata: grasso di sego, caglio animale, animali selvatici e avorio non lavorato.
  • Articoli soggetti a restrizioni che richiedono una licenza di importazione
  • Articoli canalizzati: I prodotti canalizzati possono essere importati solo attraverso canali e metodi di trasporto specifici o attraverso agenzie governative come la State Trading Corporation (STC). Si tratta di prodotti petroliferi, prodotti agricoli sfusi, come cereali e oli vegetali, e alcuni prodotti farmaceutici.

Le seguenti autorità sono responsabili del rilascio delle licenze di importazione per i rispettivi prodotti:

  • Dipartimento di Elettronica per computer e sistemi informatici
  • Dipartimento per la promozione dell’industria e del commercio interno (DPIIIT – Technical Support Wing) per le unità del settore organizzato qui registrate, ad eccezione dei computer e dei sistemi informatici
  • Ministero della Difesa per gli articoli legati alla difesa
  • DGFT per le piccole industrie non altrimenti comprese

Ottenere valuta estera

Prima di effettuare un ordine, l’importatore deve richiedere al Dipartimento di Controllo dei Cambi (ECD) della Reserve Bank of India (RBI) il rilascio della valuta estera necessaria. L’importatore deve inoltrare la richiesta tramite la propria banca. L’ECD verifica la richiesta dell’importatore e, se la ritiene valida, autorizza il rilascio di valuta estera per la transazione in questione.

Effettuare un ordine

L’importatore può effettuare l’ordine direttamente o tramite un agente. Nel caso di merci canalizzate, deve ottenere le importazioni attraverso l’agenzia di canalizzazione. L’importatore non può importare direttamente tali merci canalizzate, ma deve effettuare un ordine all’agenzia di canalizzazione che provvederà all’importazione e alla fornitura delle stesse.

Spedizione di lettere di credito

Dopo aver ricevuto dal fornitore la conferma di fornitura delle merci, l’importatore chiede alla propria banca di emettere una Lettera di Credito a favore del fornitore.

Nomina di agenti di compensazione e spedizione

L’importatore deve provvedere alla nomina di spedizionieri ed agenti per lo sdoganamento delle merci.

Ricezione del dispositivo di spedizione

In questa fase, l’importatore riceve dall’esportatore l’avviso di spedizione, che indica la data di carico della merce sulla nave. Tale avviso di spedizione avvantaggia l’importatore nel prendere gli accordi per lo sdoganamento delle merci.

Ricevute di documenti

La banca dell’importatore riceve i documenti dalla banca dell’esportatore. Questi documenti includono la cambiale, una copia della polizza di carico, il certificato di origine, la fattura commerciale, la fattura consolare, la lista di imballaggio e altri documenti pertinenti. L’importatore effettua il pagamento alla banca (se ancora non è stato effettuato) e ritira i documenti.

Bolla di ingresso

Ogni importatore deve innanzitutto presentare una bolla di ingresso ai sensi della Sezione 46 della Legge doganale del 1962. Questo documento certifica la descrizione e il valore delle merci che entrano nel Paese. La bolla di ingresso deve essere presentata come segue:

  • Originale e duplicato per la dogana
  • Una copia per la banca
  • Una copia per l’importatore
  • Una copia per l’effettuazione delle rimesse

In base all’Electronic Data Interchange (EDI), non è necessaria una bolla di ingresso formale (in quanto viene registrata elettronicamente), ma l’importatore è tenuto a compilare una dichiarazione di carico con l’indicazione dei dettagli necessari per l’elaborazione dei dati utili allo sdoganamento. Le distinte di entrata possono essere di tre tipi:

  • Bolla di ingresso per il consumo interno: Questo modulo viene utilizzato quando le merci importate devono essere sdoganate con il pagamento dell’intero dazio. Per consumo interno si intende l’utilizzo all’interno del Paese. È di colore bianco e per questo viene spesso chiamata “polizza di carico bianca”.
  • Bolla di ingresso per il deposito: Se le merci importate non vengono richieste immediatamente dopo l’arrivo in porto, l’importatore può immagazzinare le merci in deposito senza il pagamento del dazio, con cauzione, e sdoganarle dal deposito quando richiesto e con il pagamento del dazio. In questo modo è possibile rinviare il pagamento del dazio doganale fino al momento in cui la merce venga effettivamente richiesta. Questa polizza di carico è stampata su carta gialla ed è quindi spesso chiamata “polizza di carico gialla”. Viene anche chiamata “bolla di ingresso vincolata”, in quanto il vincolo nasce al trasferimento delle merci in un magazzino senza il pagamento del dazio.
  • Bolla di ingresso “ex-bond”: Il terzo tipo è quello per lo sdoganamento “ex-bond”. Viene utilizzata per lo sdoganamento dal magazzino al pagamento del dazio ed è stampata su carta verde.

Se la bolla di ingresso viene presentata senza l’utilizzo del sistema Electronic Data Interchange, possono essere richiesti ulteriori documenti. Essi sono:

  • Fattura firmata
  • Elenco degli imballaggi
  • Bolla di ingresso o ordine di consegna/lettera di trasporto aereo
  • Modulo di dichiarazione GATT
  • Dichiarazione dell’importatore/CHA
  • Licenza di importazione, ove necessario
  • Lettera di credito/assegno bancario
  • Documento assicurativo
  • Licenza industriale, se richiesta
  • Verbale di prova, in caso di prodotti chimici
  • Ordine di esenzione ad hoc
  • Certificato di esenzione dai dazi doganali (DEEC) / Duty Entitlement Pass Book (DEPB) in originale, se applicabile.
  • Catalogo, documentazione tecnica, indicazioni sui macchinari.
  • Ricambi o prodotti chimici, a seconda dei casi
  • Valore separato di ricambi, componenti e macchinari
  • Certificato di origine, se si richiede un’aliquota di dazio preferenziale

Ordine di consegna

Una volta completato il pagamento dell’eventuale trasporto, gli incaricati allo sdoganamento ricevono l’ordine di consegna da parte della società di trasporto.

Sdoganamento delle merci

Gli incaricati dello sdoganamento devono versare i necessari diritti portuali e ottenere la Port Trust Receipt in due copie. Successivamente, si recano in dogana presentando alle autorità doganali copia della Port Trust Receipt e due copie della Bill of Entry. Il funzionario doganale approva i moduli mentre all’importatore viene restituita una copia della bolla di ingresso. L’importatore paga quindi il dazio doganale e sdogana la merce. Nel caso in cui il dazio doganale non venga pagato, la merce viene immagazzinata nei depositi doganali. Quando il dazio viene pagato, le merci vengono sdoganate.

Pagamento allo spedizioniere

Una volta che le merci sono state sdoganate, l’importatore effettua all’incaricato il pagamento per lo sdoganamento, a titolo di spese e commissioni di sua competenza.

Pagamento all’esportatore

L’importatore è obbligato a effettuare il pagamento all’esportatore, che di solito emette una cambiale. L’importatore deve accettare la cambiale ed effettuare il pagamento.

Come esportare merci dall’India?

Una volta costituita un’unità di esportazione e ottenute le certificazioni IEC e RCMC, gli esportatori devono ottenere le certificazioni di ispezione.

Secondo l’Export (Quality and Inspection) Act del 1963, è fondamentale garantire l’efficace funzionamento del commercio indiano in esportazione. L’Indian Export Inspection Council è l’ente preposto a forniore assistenza per l’ottenimento dei certificati di ispezione.Export Procedures in India

Per esportare con successo prodotti dall’India è necessario seguire i seguenti passi.

Registrazione del codice di rivenditore autorizzato (AD)

Il codice AD deve essere registrato presso una qualsiasi banca commerciale in India prima di presentare la fattura di esportazione. La banca genererà il codice AD utilizzando il codice IEC. Inoltre, l’esportatore deve registrare i codici IEC e AD presso gli uffici doganali. Il codice AD viene utilizzato per determinare se i proventi dell’esportazione sono stati realizzati o meno.

Registrazione dell’imposta su beni e servizi (GST)

Ogni esportatore può registrarsi sulla piattaforma condivisa, con il proprio GSTIN, nella parte A del modulo GST REG-01, indipendentemente dal suo fatturato. Ai sensi della GST, le esportazioni di beni e servizi sono classificate come forniture ad aliquota zero. Se la GST viene pagata in qualsiasi fase della fornitura a fronte di un’esportazione dall’India, un commerciante può esportare senza pagare l’IGST in base a una garanzia o a una lettera di impegno, oppure può pagare l’IGST e chiederne in seguito il rimborso.

Selezione del prodotto e del mercato

A parte alcune merci che figurano nell’elenco di quelle ristrette o proibite, il resto dei prodotti può essere esportato liberamente. Dopo un esame approfondito delle tendenze dell’esportazione di vari prodotti dall’India, è possibile effettuare una selezione adeguata dei prodotti da esportare.

Inoltre, dopo aver analizzato le dimensioni del mercato, la concorrenza, i criteri qualitativi, le modalità di pagamento e così via, occorre scegliere il mercato estero.

Identificazione degli acquirenti e fornitura di prodotti campione

La partecipazione a fiere, gli incontri fra acquirenti e venditori, le mostre, i portali business-to-business (B2B) e la navigazione sul web sono meccanismi efficaci per individuare gli acquirenti. Anche i Centri di Promozione dell’Export (EPC) e le camere di commercio d’oltremare possono aiutare a individuare i potenziali acquirenti. Una volta individuati, la fornitura di campioni personalizzati per soddisfare le esigenze degli acquirenti stranieri può contribuire all’acquisizione di ordini. L’FTP 2015-2020 prevede esportazioni illimitate di campioni commerciali e tecnici autentici di prodotti liberamente esportabili.

Ottenere i servizi di uno spedizioniere

Le merci possono essere trasportate via mare, via terra o via aerea. Le tariffe di trasporto sono determinate dai tre fattori seguenti:

  • Modalità di trasporto
  • Porto di arrivo
  • Quantità della merce spedita

Fattura proforma (PI)

Dopo la contrattazione iniziale con il cliente, l’esportatore deve inviare all’acquirente una fattura proforma contenente dettagli riferiti a qualità, descrizione della merce, metodo di pagamento, modalità di spedizione, materiale di imballaggio, ecc. Quando l’acquirente riceve la fattura proforma, deve approvarla per passare alla fase successiva.

Istruzioni per la spedizione (SI)

A seconda della natura delle merci, queste devono essere spedite secondo le linee guida previste. Gli articoli pericolosi, deperibili, ecc. devono essere spediti seguendo i vari trattati internazionali. Dopo aver verificato i vari requisiti della spedizione, lo spedizioniere fornisce le relative istruzioni per la spedizione

Fattura commerciale (CI)

La fattura commerciale è simile alla fattura di vendita standard e deve essere preparata quando l’acquirente ha confermato l’ordine di esportazione.

Etichettatura, imballaggio e marcatura

I prodotti da esportazione devono essere etichettati, imballati e confezionati seguendo le precise istruzioni dell’acquirente. L’indirizzo, il numero del pacco, il porto e il luogo di destinazione, il peso, le istruzioni per la movimentazione e altri contrassegni consentono di identificare e fornire informazioni sul carico imballato.

Certificato di origine

Durante lo sdoganamento, l’autorità doganale richiede il certificato di origine, che stabilisce l’origine del prodotto. Il certificato di origine contiene generalmente il nome e l’indirizzo dell’esportatore, le caratteristiche della merce, il numero della confezione o il marchio di spedizione e la quantità, se pertinente.

Bolla di spedizione

La bolla di spedizione viene generata quando vengono presentati la fattura commerciale, il PI o altri documenti. La bolla di spedizione deve essere presentata al porto di riferimento. Essa può essere presentata tramite il sito web dell’ICE gate. Dopo averla ricevuta, il funzionario incaricato della valutazione deve verificare l’accuratezza delle informazioni fornite e l’esportabilità dei prodotti secondo le procedure.

Ordine di esportazione (LEO)

Se i documenti presentati al funzionario incaricato della valutazione soddisfano i requisiti, viene emesso un ordine di esportazione.

Caricamento della merce nel container

La bolla di spedizione e la LEO devono essere fornite allo spedizioniere, che contatterà il funzionario competente richiedendo l’autorizzazione alla spedizione. I funzionari doganali controllano le operazioni di carico delle merci sulla nave.

Bolla di carico (BL)

Dopo il carico delle merci, la nave emette una BL. Qui sono indicati, tra l’altro, il nome degli articoli, il mezzo di trasporto, la modalità di pagamento e il contenuto dell’imballaggio. La BL verrà consegnata all’acquirente dei prodotti per il ritiro degli articoli al loro arrivo.

Assicurazione

La polizza assicurativa marittima copre il rischio di perdita o danneggiamento dei prodotti durante il trasporto. Generalmente gli esportatori stipulano un’assicurazione per i contratti CIF, mentre gli acquirenti la stipulano per i contratti C&F (Cost and Freight) e FOB (Free On Board).

Manifesto generale di esportazione (EGM)

Entro una settimana dalla partenza del carico, le compagnie o gli agenti marittimi presentano l’EGM alla dogana. L’EGM contiene un elenco di tutte le merci caricate o presenti sulla nave al momento della partenza dal porto e rappresenta la conferma finale dell’esportazione fisica delle merci. Questo documento contribuisce anche all’approvazione delle esenzioni dai dazi.

Presentazione dei documenti all’istituto bancario

Entro 21 giorni dalla spedizione,  deve essere presentata alla banca la documentazione da inoltrare alla banca estera per le disposizioni di pagamento.

È necessario presentare i seguenti documenti:

  • Fattura
  • Lista degli imballaggi
  • Polizza di trasporto aereo/Fattura di carico
  • Cambiale
  • Certificato di origine
  • Dichiarazione in valuta estera
  • Lettera di credito

Trasmissione di documenti da banca a banca

La banca negoziatrice esaminerà i documenti di spedizione e li trasmetterà alla banca di riferimento dell’importatore affinché questa possa sdoganare la spedizione. I rivenditori autorizzati sono tenuti a garantire il ricevimento dei proventi delle esportazioni, che devono essere comunicati alla RBI mediante dichiarazioni trimestrali.

Ricevuta del certificato bancario

Una volta ricevuto il pagamento, i rivenditori autorizzati emetteranno certificati bancari all’esportatore e solo con l’emissione del certificato bancario la transazione di esportazione sarà completata. Gli esportatori sono tenuti a stilare la documentazione di spedizione esclusivamente attraverso i concessionari autorizzati della Reserve Bank. Solo attraverso questo sistema la RBI può assicurarsi di ricevere i proventi delle esportazioni per i prodotti trasportati fuori dal Paese.

India Briefing è prodotta da Dezan Shira & Associates. Con uffici in Cina, Hong Kong, Vietnam, India, Indonesia, Singapore, Germania, Italia, Stati Uniti e Russia, Dezan Shira supporta gli investitori stranieri in Asia da tre decenni.

Hai una domanda su come fare affari in Asia? Contattateci all’indirizzo italiandesk@dezshira.com, o visitateci qui.

Next Article